Come abbinare le porte a battente

Quando si affronta una ristrutturazione o il completamento dei lavori in una nuova casa, bisogna prestare attenzione a molteplici questioni di rilievo. Una di queste riguarda la scelta degli infissi e - quindi - delle porte interne. Potrebbe sembrare una scelta facile, che richiede poco tempo e poco impegno, ma non è così. Ogni porta da interno, oltre a delimitare gli spazi della casa, trasferisce all’ambiente la personalità di chi lo vive; per questo motivo deve essere scelta con scrupolosità, per abbinarsi al meglio a pavimenti, pareti e arredo.
Esistono tanti fattori da considerare, che se trascurati possono concorrere a rovinare il risultato finale. Innanzitutto, considerando soprattutto gli spazi a disposizione, si dovrà scegliere quale tipo di porta da interno montare. Ne esistono - infatti - diversi tipi: porte scorrevoli, porte a libro o a soffietto e porte a battente. Queste ultime sono il modello più classico, ma nascondono alcune insidie. Per aiutarti nella scelta e nell’abbinamento della tua porta a battente puoi seguire alcuni semplici consigli che troverai in questa piccola guida.

Alcuni consigli per scegliere le porte da interno

Quali sono gli errori più frequenti nella scelta di una porta a battente? Il primo nemico è la fretta. Le decisioni prese frettolosamente, spesso si rivelano sbagliate e fatali. Prenditi tempo per informarti, per approfondire l’argomento tramite cataloghi cartacei o online. Nel nostro e-commerce Porte Store troverai tutte le informazioni che ti servono. Scegli le tue porte da interno prima della fine dei lavori di ristrutturazione che stai affrontando. In questo modo la posa delle porte non porterà a lavori imprevisti, con i conseguenti disagi in termini di tempo e costi. Le porte a battente - inoltre - andranno a completare l’arredo degli spazi. Non dimenticare che sono dei veri e propri componenti d’arredo e, in quanto tali, devono essere abbinate a dovere con l’arredamento già presente, con i colori delle pareti e con i pavimenti. Infine presta molta attenzione alla misura delle tue porte interne! Quante volte hai spostato mobili o oggetti e ti sei accorto di quanto è stato faticoso farli passare dalle porte di casa? Ricorda che, soprattutto per la cucina e il bagno, serviranno porte spaziose, per consentire il passaggio degli elettrodomestici.

Abbinare la porta a battente con i pavimenti

Dopo aver deciso che stile vuoi dare a casa tua, dovrai concentrarti sull’abbinamento tra porte, pavimenti e pareti. Gli abbinamenti cromatici sono importanti, ecco perché vogliamo offrirti qualche consiglio. L’accostamento dei colori, secondo i gusti personali, può creare continuità o contrasto. Se hai scelto un pavimento di colore chiaro, è meglio creare continuità, con una porta a battente con nuances neutre, come il bianco, il grigio o il legno naturale. Anche un pavimento grigio richiede omogeneità con i colori delle porte. Al contrario, in caso di un pavimento scuro, bisognerà creare contrasto per non rendere l’ambiente eccessivamente cupo e in ombra; la soluzione migliore è certamente una porta da interno bianca. Il pavimento in parquet merita una menzione speciale. Se il tono del legno è scuro e si vogliono montare porte interne scure, si può schiarire la stanza con le pareti bianche o chiare.
In ogni caso ricorda che l’ambiente deve trasmettere personalità. Non lasciarti intimidire da regole che non è assolutamente necessario seguire.

Come scegliere le finiture delle porte interne

Nella composizione delle tue porte da interno, la scelta della finitura gioca un ruolo molto importante. Il nostro e-commerce Porte Store ti offre la possibilità di configurare le tue porte a battente con la finitura che preferisci. La finitura liscia è sempre la soluzione più classica, capace di garantire all’ambiente un design moderno e raffinato. In contrasto, ma di grande tendenza è la finitura ruvida, innovativa e di carattere. La finitura a poro aperto esalta invece le caratteristiche naturali della porta ed è sinonimo di resistenza. Se si vogliono sfruttare le sensazioni tattili, la finitura tranchè è l’opzione migliore, grazie alla sua lavorazione artigianale che riproduce l’effetto del legno grezzo. Una valida alternativa è la finitura tissue, leggera e delicata, con un profondo studio sulla lavorazione delle materie prime; può essere ottenuta sia liscia che ruvida. Se si desidera ottenere un effetto molto simile al legno, ma con una forte resistenza a graffi e abrasioni, consigliamo la nostra finitura matrix.
Infine, ma non per ultime, le nostre laccature bio. Ottenuta con elementi biologici, nel pieno rispetto dell’ambiente, la nostra laccatura bio è disponibile anche nella versione a poro aperto, per un maggior risalto di nodi e venature lignee.

Le porte a battente di Porte Store

Porte Store offre una vasta gamma di porte a battente tra cui scegliere. La porta interna George, della collezione Touch, rispecchia lo stile elegante e naturale della finitura matrix; una garanzia per chi cerca solidità senza rinunciare all’esperienza. La porta a battente Oliver evoca sensazioni uniche, richiamando le venature lignee al tatto; scoprila nella nostra collezione Smart, dedicata alle linee più essenziali del design. La maestosa Bull arricchisce la collezione di porte interne Flat, la più creativa del nostro store; dotata della laccatura bio a poro aperto conferisce una particolare luminosità all’ambiente dove viene installata. Cerniera a scomparsa e serratura magnetica sono i tratti distintivi della porta da interno Caleb; un punto di forza tutto da scoprire all’interno della collezione Ghost, ispirata da linee decise, ma armoniose.
Queste sono solo alcune delle soluzioni che ti proponiamo. Visita il nostro e-commerce e scegli la porta che fa per te, completando la configurazione con gli accessori adatti alla tua personalità!

Come si montano le porte interne a battente

Ora che hai tutte le armi giuste per scegliere la tua porta interna a battente, non ti rimane altro che imparare a montarla. Si tratta di un’operazione che richiede pazienza e precisione, oltre a una buona manualità nel fai da te.
La prima fase è il montaggio del telaio, sul quale sarà già montata la porta completa di serratura e maniglia. In questa fase del montaggio della porta a battente, tenete chiusa la serratura per mantenere la compattezza della porta. Inserite il telaio nel vano creato nel muro e, con l’aiuto di alcuni cunei di legno, distanziatelo dal controtelaio; abbiate cura che le distanze siano uguali sui due montanti laterali e sul lato superiore. Ora controllate, con una livella o con il filo a piombo, che la porta da interno sia in squadra, cioè in linea con la struttura. Questa è una fase importante perchè l’anta della porta possa aprirsi e chiudersi, anche a chiave, senza sforzi. Ripetete l’operazione di apertura e chiusura più volte, finchè il movimento non risulti del tutto naturale. Continuando a fare le prove di apertura e chiusura, fissate il telaio al controtelaio con alcune viti. Ora potete procedere all’ultima fase: riempite di schiuma riempitiva le fessure rimaste tra il muro e il telaio, togliete i perni in legno messi in precedenza e applicate il coprifilo.