La nostra miniguida sulle porte interne

Le porte interne sono elementi fondamentali, sia per la casa che per l’ufficio; completano l’arredo e conferiscono alla stanza linearità, design e carattere. Per questo motivo devono essere scelte con cura, dedicando il giusto tempo all’informazione e tenendo in considerazione molteplici fattori, da quelli estetici a quelli di ordine meramente pratico. Abbiamo pensato di raccogliere le informazioni più utili sulle porte interne in questa miniguida, per aiutarti a fare luce sui dubbi che possono assalirti.
Ricorda che il nostro primo consiglio è sempre quello di rivolgerti a un esperto del settore; architetti, geometri e montatori sono figure professionali che possono darti consigli preziosi. Chiedendo il loro parere puoi trovare le competenze in grado di indicarti le scelte più adatte alle tue necessità, oltre che un prezioso aiuto nell’installazione. Il nostro e-commerce Porte Store ti offre un’ampia gamma di porte tra cui scegliere; una volta chiarite le idee potrai configurare la tua porta con le misure, le finiture e i dettagli che preferisci e che più si adattano ai tuoi ambienti.

Scegliere le porte interne: attenzione al colore e alle funzioni

Le porte interne svolgono, all’interno dell’ambiente dove vengono installate, diverse funzioni. La prima, e sicuramente più immediata, è quella di separare le stanze una dall’altra. Questa separazione, oltre a essere un isolamento acustico parziale, è garante di privacy. Le porte da interno possono essere installate anche per delimitare piccoli spazi, come gli sgabuzzini, con un tocco estetico.
Se stai ristrutturando casa, scegli le tue porte interne solo dopo aver scelto i pavimenti e i colori delle pareti. Il colore delle porte infatti dovrà abbinarsi al colore del pavimento e delle pareti delle stanze dove saranno installate; contribuiranno a creare un ambiente armonioso, giocando sull’omogeneità o sul contrasto cromatico. Le porte interne bianche sono la soluzione giusta per abbinamenti con pavimenti scuri, ma sono adatte anche su pavimenti chiari, beige o grigi. Le porte nere o scure possono essere montate su pavimenti chiari, ma non su pavimenti scuri perchè l’ambiente risulterebbe troppo cupo. I colori nelle tonalità del legno naturale sono una scelta sempre sicura per ambienti in stile classico.

Tutti i componenti delle porte da interno

Quella che chiamiamo comunemente porta è, in realtà, solo uno dei suoi componenti: l’anta. Le porte interne infatti sono composte da più elementi, uniti l’uno all’altro in un meccanismo che, nel suo insieme, riesce a coprire le funzioni, estetiche e pratiche, di cui abbiamo parlato nei paragrafi precedenti.
Oltre all’anta, altro elemento fondamentale della porta da interno è il telaio, che ricopre la muratura sui tre lati della porta; nel caso della porta scorrevole a scomparsa, sarà presente anche un controtelaio, installato all’interno del muro, che ospiterà l’anta nel movimento di scorrimento. L’installazione della struttura metallica del controtelaio all’interno del muro richiede un intervento di edilizia, anche se minimo, e farà salire i costi nel preventivo della ristrutturazione. Completano la struttura i coprifili, elementi che vanno a coprire le interruzioni tra il telaio e il muro. Oltre agli elementi strutturali, ci sono poi gli elementi di ferramenta: serrature e maniglie, con le relative placche, e le cerniere che permettono l’apertura e la chiusura dell’anta.

Porte interne per ogni esigenza: porta a battente, porte scorrevoli e porte a libro

La tipologia di porte da interno più comune è certamente la porta a battente. Le infinite possibilità, anche su questo modello classico, di configurazione con colori, finiture e decorazioni, permettono di soddisfare il cliente in ogni situazione. Tuttavia le porte interne a battente sono anche le più ingombranti; negli spazi molto stretti o in appartamenti molto piccoli, si consiglia di ricorrere ad altre tipologie di porte interne, per sfruttare al meglio tutto lo spazio a disposizione. In questi contesti si può scegliere una porta scorrevole a scomparsa o a scorrimento esterno muro. In entrambi i casi si dovranno avere alcuni accorgimenti. Se si vuole installare una porta scorrevole a scomparsa, si deve verificare che le pareti siano abbastanza spesse da ospitare il controtelaio e che all’interno delle stesse non passino tubazioni. Inoltre, dopo aver installato il controtelaio, non si potranno fissare chiodi o mensole alla stessa parete. Se invece decidete di montare una porta a scorrimento esterno al muro, fate attenzione a lasciare libera la parete lungo la quale scorrerà la porta. Le porte a libro rappresentano un’altra opzione salvaspazio; sono composte da più pannelli che, nel movimento di apertura, si sovrappongono formando un pacchetto compatto. Adatte quando gli spazi sono minimi o per chiudere piccole stanze.

Come si misura una porta interna

Misurare lo spazio di ingombro di una porta da interno è un’operazione davvero semplice, che potete svolgere da soli, anche se non siete esperti. Innanzitutto considerate se state installando delle porte nuove, ad esempio a seguito di una ristrutturazione, o se state semplicemente sostituendo una porta già esistente. Nel primo caso dovrete misurare la larghezza e l’altezza da un controtelaio all’altro, cioè la misura reale del vano nel muro dove verrà installata la porta interna. Se invece state sostituendo una porta, altezza e larghezza dovranno essere considerate da un telaio all’altro. In entrambi i casi fai attenzione: la misura dell’altezza dovrà essere considerata partendo dal pavimento, quindi se non hai ancora posato il tuo pavimento ricorda di considerare l’ingombro. L’ultima misura da prendere è quella della profondità, cioè dello spessore del muro. Anche su questa misura dovrai prestare attenzione a un particolare: lo spessore di eventuali mattonelle deve essere compreso nella misura dello spessore. Le misure standard delle porte interne vanno dai 70 ai 90 cm di larghezza e dai 200 ai 215 cm di altezza.

Finiture porte interne: stile, personalità e decorazioni

Per completare la tua porta da interno dovrai scegliere la finitura; colori e stile delle decorazioni conferiscono alle porte interne e ai relativi ambienti il giusto carattere. Si possono trovare in mercato infinite possibilità, dalle linee più classiche e geometriche, alle decorazioni più eclettiche, fino a colori audaci. Sta a te decidere, secondo la tua personalità. Il nostro e-commerce Porte Store ti offre un’ampia scelta di finiture. Le più classiche e semplici sono sicuramente la finitura liscia e la finitura ruvida; entrambe garantiscono un design moderno e raffinato. La finitura a poro aperto esalta le caratteristiche naturali delle porte interne ed è sinonimo di resistenza, la finitura matrix risulta molto simile al legno esaltandone al tatto le caratteristiche naturali, la finitura tissue è invece caratterizzata da leggerezza e delicatezza. Non mancano le laccature, sempre con un occhio di riguardo per l’ambiente. La nostra laccatura bio, classica o a poro aperto, è completamente eco-friendly, poichè realizzata con elementi biologici e vernici ad acqua.